Resi e rimborsi

Ai sensi dell'articolo 3 del D.lgs. 185/99, relativo alla protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza, il Cliente, che per qualsiasi ragione non si ritenesse soddisfatto dall’acquisto effettuato, ha diritto di recedere dal contratto di vendita, senza alcuna penalità e senza specificarne il motivo, entro il termine di 14 giorni lavorativi decorrente dal giorno del ricevimento dei Prodotti.

Il recesso deve essere esercitato inviando, entro il termine di cui sopra previsto a pena di decadenza, una comunicazione scritta mediante lettera raccomandata con avviso di ritorno (A/R) che espliciti la volontà di recedere dal contratto concluso. A tal fine è possibile utilizzare il Modulo tipo di recesso, ma non è obbligatorio.

Tale comunicazione dovrà essere indirizzata a Maerg s.r.l. Via Donizetti, 1 – 26854 Cornegliano Laudense (LO)

La comunicazione può essere inviata, entro lo stesso termine, anche mediante telegramma, telex e fac-simile, a condizione che sia confermata mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento entro le 48 ore successive.

Qualora il Cliente eserciti il diritto di recesso, dovrà inoltre provvedere a Sue spese alla restituzione della merce INTEGRA e NON USATA (nella sua confezione originale).

La restituzione dovrà avvenire entro e non oltre il termine di 14 giorni lavorativi con pacco assicurato in porto franco presso l'indirizzo che sarà comunicato al Cliente a seguito della comunicazione di reso.

Non verranno ritirati in nessun caso pacchi in contrassegno nè in porto assegnato, nè saranno accettati pacchi inviati ad un indirizzo diverso da quello comunicato.

Se il diritto di recesso è stato esercitato secondo le presenti istruzioni, il Venditore rimborserà gratuitamente le somme versate dal Cliente per l'acquisto della merce (con l'esclusione delle spese relative alla restituzione della merce, che restano a carico del Cliente e dei casi specificati di seguito), entro un termine di 14 giorni.

Il diritto di recesso è esercitabile solo dai Clienti che acquistano senza richiedere emissione di fattura con indicazione della partita IVA e per i quali quindi l’utilizzo del bene non rientra nella propria attività professionale, in quanto la legge si applica solamente agli utenti non professionali.