I cani del nuovo centro di Pet Therapy di Vicenza

Nello scenario agreste di Villa Bonin, a Montecchio Precalcino (Vicenza), scorrazzano sei splendidi cani di razza. Si chiamano Kim, Jessy, Berry, Shana, Chopper e Dory e sono due bovari del bernese, un golden retriver maschio e una femmina, un pastore bergamasco e un meticcio. Villa Bonin, però, non è una fattoria. Villa Bonin sarà un vero e proprio ospedale, il punto di riferimento a livello nazionale della pet therapy, fortemente sostenuto dal sottosegretario alla Salute, Francesca Martini. Ieri un convegno nazionale sulla pet therapy ha suggellato l’inaugurazione del nuovo centro che l’Ulss 4 Alto Vicentino gestirà sulla base del protocollo d’intesa firmato dalla provincia di Vicenza, dall’agenzia regionale socio sanitaria, dall’Istituto zooprofilattico delle Venezie e dalle altre Ulss vicentine.
bovaroIl valore terapeutico degli animali è riconosciuto da secoli ma la sanità ufficiale vi ha sempre fatto ricorso in maniera sperimentale. A Montecchio Precalcino il passo avanti è invece decisivo e, dalla fase sperimentale pura, l’intenzione è quella di passare a quella applicativa. Quei sei cani che corrono per il parco della villa, insomma, potranno essere prescritti con ricetta medica a tutti quei pazienti che soffrono di particolari disabilità fisiche o psichiche e che potrebbero trarre giovamento da alcune sedute particolari, seguite da medici specializzati, con questi preziosi animali-farmaci. «Questo progetto - ha spiegato il sottosegretario Martini, che ha sostenuto fin da subito l’iniziativa - rappresenta lo sviluppo che serviva per la pet therapy e credo che per l’Italia sarà una sorta di pietra miliare. Sarà importante definire l’approccio scientifico alla terapia con la standardizzazione del metodo e con il consolidamento della professionalità».
Siamo solo all’inizio, ma è chiaro che, oltre a diventare un chiaro punto di eccellenza per la sanità nazionale, Montecchio Precalcino vuol essere di raccordo con tutti i centri internazionali di pet therapy presenti all’estero, dove questo tipo di cura è già consolidata.
Il protocollo d’intesa prevede che la terapia si baserà, appunto, sull’utilizzo di questi sei cani mentre l’équipe di specialisti sarà coordinata dallo psicologo dell’Ulss 4 Alto Vicentino, Lino Cavedon. Previsto anche il coinvolgimento diretto delle università di Veterinaria e di Psicologia.
Ma chi sono i pazienti a cui è diretto questo servizio sanitario innovativo? «Persone con disabilità fisica e psichica - conferma il sottosegretario Martini - ma anche con una possibile commistione di problemi. Devo dire, poi, che io sono rimasta folgorata dalla sede prescelta. Villa Bonin a Montecchio Precalcino, ha una logistica, un’architettura, un ambiente tali da rendere, se possibile, la cura ancora più efficace».
Dal canto suo, il direttore dell’Ulss 4, Domenico Mantoan, ha confessato di credere molto in questo progetto. «Un progetto che ritengo molto ambizioso - dice - che ci permetterà di capire la valenza effettiva della pet therapy in ambito strettamente sanitario».
Secondo Igino Andrighetto, dell’Istituto zooprofilattico, finora la pet therapy è andata avanti contando esclusivamente sullo spontaneismo. «E lo spontaneismo - osserva - è stato il male di questa terapia. Noi siamo i primi che ci accostiamo all’argomento con assoluta serietà scientifica». «Questo è un fiore all’occhiello per la sanità vicentina e veneta - gongola Antonio Compostella, direttore dell’Agenzia regionale socio sanitaria - e sono certo che la qualità del servizio erogato garantirà risultati sorprendenti».
La salute di molti disabili potrebbe subire presto grandi miglioramenti grazie alla vicinanza con Kim, Jessy, Berry, Shana, Chopper e Dory, "medici" a quattro zampe che curano giocando e scodinzolando. Oggi per la pet therapy italiana comincia davvero una nuova era, ne sono tutti convinti. Presto arriveranno a Villa Bonin altri quattro cani ed è già stato attivato un corso per 50 conduttori. Il futuro migliore di tanti disabili passa per questo parco di speranza.

Vedi anche:

icona_matita Scrivi il tuo commento

Commento di ghira

Ciao, Sto frequentando un corso a Mestre intitolato: "Coadiutori dell'animale sociale: il conduttore cinofilo". La realtà è molto diffusa le idee ci sono, gli strumenti pure...manca solo la legge per questa nuova figura professionale e ci auguriamo a breve che venga riconosciuta. Grazie e in bocca.....al lupo!

Commento di lunamagica

Ciao,
sono cristina dalla provincia di alessandria in piemonte.
Mi piacciono gli animali in genere e specialmente i cani. in merito alla pet theray vorrei realizzare il progetto di mettere in contatto il canile con le persone che necessitano di un animale per migliorare la propria vita riuscendo cosi, dietro addestramento, a salvare questi amici a quattro zampe. vorrei informazioni a tal proposito. grazie.

Bacheca degli annunci

Offerte speciali

I nostri amici

I nostri fan su Facebook